inclusione - Cuciverba
-1
archive,tag,tag-inclusione,tag-175,bridge-core-2.9.7,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive
  • All
  • comunicazione inclusiva
  • lavoro creativo
  • marketing e comunicazione

«Non si può più dire niente!»: quante volte ti sarà capitato di sentire questa frase? Di recente, nel nostro Paese si parla sempre più di linguaggio inclusivo ma, ahimè, in risposta si sente pure gridare contro la scure del "politicamente corretto", se così si può definire. Ci tengo a chiarire che l'inclusione non c'entra con la censura, c'entra invece con l'ascolto, il dialogo e le richieste di rappresentazione. Non si vuole censurare nulla. Ogni persona è libera di dire ciò che vuole, l'importante è che non offenda. Il "politicamente corretto", infatti, lo ritengo sinonimo di rispetto, non di censura ipocrita da parte di persone moraliste benpensanti, come accadeva nella musica o in tv nei decenni scorsi. Messaggio che invece intende far passare chi è contro il linguaggio inclusivo, agitando lo spettro della cancel culture solo per difendere lo status quo e, di conseguenza, ridicolizzare chi chiede di utilizzare parole più rispettose. Tornando all'oggi, se le persone nere, vittime di razzismo sistemico, chiedono che non si usi la "parola con la N" (ne*ro/a), perché rimanda a brutte pagine della storia (colonialismo, schiavitù,...

Skip to content